Piccatiggiu (Piccatiglio)

4 Febbraio 2019 0 Di admin

Piccatiggiu (Piccatiglio)

Piccatiggiu (Piccatiglio)

La varietà delle carni di questo antichissimo piatto dell'entroterra ligure indica l'originaria necessità di usufruire delle rimanenze di cucina. È una preparazione campagnola assai saporita e sostanziosa. L’etimologia della parola è chiaramente di matrice iberica con il termine “picadillo o picar” che indica cosa sminuzzata, azione dello sminuzzare, come il trattamento delle carni che fanno da base alla ricetta. (Ricetta tratta da "Codice della Cucina Ligure" edizioni SEP-Il Secolo XIX)

Ingredienti

  • 200 gr. di carne di vitello;
  • 200 gr. di carne di pollo (o maiale o manzo o cappone);
  • mezza cipolla;
  • 1 carota piccola;
  • 1 ciuffo di prezzemolo;
  • 4 olive verdi;
  • 2 rametti di maggiorana;
  • 2 uova;
  • 2 cucchiai d'olio d'oliva;
  • brodo;
  • sale.

Istruzioni

  • Tritare le carni, le verdure e le olive.
  • Far rosolare le verdure e le olive nell'olio per alcuni minuti.
  • Aggiungere le carni.
  • Salare.
  • Cuocere rimestando sovente per mezz'ora, aggiungendo brodo.
  • Sbattere le uova aggiungendo le foglie di maggiorana, unire il composto alla carne prima di toglierla dal fuoco.
  • Rimestare ancora in modo da far amalgamare l’uovo e servire.
http://www.cucinaligure.info/2019/02/04/piccatiggiu-piccatiglio/